L’esitazione corre sul filo dei tre punti…

dollarphotoclub_80914865

L’esitazione corre sul filo dei tre punti…

ellipsis_512_thumb1

La fortuna di uno dei segni interpuntivi più rappresentativi della nostra epoca

Senza lasciarci sfuggire l’opportunità di citare il caro, vecchio e ormai defunto Zygmunt Bauman a proposito della società dell’incertezza – la nostra – ovvero: «La generazione meglio equipaggiata tecnologicamente di tutta la storia umana è anche la generazione afflitta come nessun’altra da sensazioni di insicurezza e di impotenza», non possiamo evitare di segnalare quanto la funzione allusiva dei tre puntini di sospensione sia perfettamente rappresentativa dell’epoca storica che stiamo attraversando.

Ne usiamo in quantità industriali, indifferentemente dal tipo di mezzo: sms, chat, mail, post, annunci… romanzi perfino. E non parlo di quelli auto-prodotti, i quali sembra si stiano in proposito auto-disciplinando; parlo di romanzi particolarmente quotati, scritti da romanzieri (passatemi il termine) coi fiocchi. Thomas Pynchon, tanto per dirne uno, l’icona del postmoderno chiude quasi ogni periodo con i tre puntini. Se non ci credete andate a leggervi L’arcobaleno della gravità – io l’ho fatto. Ma senza espatriare, giusto per restare cautamente all’interno dei nostri confini, come potremmo non citare Carlo Emilio Gadda: grande anticipatore di tempi. Tra le altre cose, anticipò perfino David Foster Wallace nel non concludere le storie nei propri romanzi. E come loro, tanti altri.

Continua a leggere

‘na serata tra amici

CLAUDIO GUALA - partita a carte

‘na serata tra amici

tavoloverde

“Sono un vero sognatore
musicista un po' pittore
strimpellando sopra i tasti
molto spesso salto i pasti.”

– Leo Chiosso

«U canùsci a Giacomo Valente?» Alfredo Carfì si versò una doppia dose di Bourbon liscio dal mobiletto poco fornito degli alcolici. La domanda, posta in apparenza alla bottiglie disposte in ordine sul ripiano e ai bicchieri di cristallo capovolti a testa in giù davanti a queste, era rivolta a uno solo dei tre amici che attendevano seduti al tavolo.

«U furnaio supra ‘u stratuni pi Paternò?» chiese Mario Venuti. L’amico era lui. Era appena tornato dal bagno; il gioco si era interrotto proprio per dargli il tempo di fare i suoi comodi. Nelle mani rovinate dai troppi anni di lavoro in cantiere stringeva tre sette.

«Iddu».

«’ntzù» fece Mario, schioccando la lingua sul palato e alzando il mento in aria.

Alfredo si voltò a guardarlo. Il bicchiere fermo a un passo dalle labbra. «Ma come ’ntzù? Prima dici U furnaio supra ‘u stratuni, e poi fai ’ntzù

«Nun àiu avùtu ‘u piaciri» si giustificò lui, senza dare troppa importanza alla cosa.

Continua a leggere

Come distinguere il bello dal brutto

art-with-back-framing-wiplcan019-original-imaeyef2yrshevek

Come distinguere il bello dal brutto

.

merda d'artista

.

Fenomenologia dell’inutilità/utilità

La capacità di distinguere il bello dal brutto distingue a sua volta lo scrittore dal dilettante. Ogni professionista sa cernere tra il lodevole e lo scarto. In un certo senso, magari a istinto, persino il fruitore ne è capace. Il senso estetico è una delle caratteristiche che ci rendono umani. Passiamo la vita a compiere scelte, le quali molte volte sono il frutto del gusto. Questo è bello, quello è brutto. Questo mi piace, quello non mi piace. Like; don’t like. La donna o l’uomo che desideriamo, il cibo che mangiamo, lo spettacolo che guardiamo, il lavoro che vorremmo fare o facciamo; il libro che leggiamo… Scelte, né più né meno che questo. Ma come selezioniamo ciò che ci piace distinguendolo da ciò che non ci piace? In base a quali parametri discerniamo il bello dal brutto? Gli scrittori se lo domandano da sempre.

La scorsa settimana, lo ricorderete, ho chiesto ad alcuni amici il loro parere. L’assunto da cui sono partito è che uno scrittore, come ogni altro professionista, nel tentativo di perseguire la realizzazione della propria opera produce anche una certa quantità di scarto. La riuscita dell’opera, al di là di parametri più populisti, dipende dalla sua capacità di riconoscere lo scarto, gettandolo, dal lodevole, tenendolo. Loro hanno fornito la propria opinione; in alcuni casi anche molto divergenti. Oggi provo io a dare una risposta. Non ho la pretesa di risolvere il problema; mi pongo solo l’obbiettivo di inserire nel discorso una nuova prospettiva da cui guardare al problema.

Continua a leggere

Interrogativi ed esclamativi

grammatica-58

Interrogativi ed esclamativi

.

pronomi-interrogativi-ed-esclamativi

.

Fondamenti di grammatica per aspiranti scrittori

Riprendiamo il nostro tour grammaticale osservando le forme interrogative ed esclamative di pronomi e aggettivi. Essi servono a rivolgere, appunto, un’interrogazione o a esprimere un’esclamazione. Le interrogazioni possono essere dirette o indirette; le esclamazioni possono riguardare la qualità («quale libro preferisci?»), la quantità («quanta abbondanza!») o l’identità («Chi c’è stasera?») di un soggetto/oggetto.

SINGOLARE PLURALE
MASCHILE FEMMINILE MASCHILE FEMMINILE
AGG. che che che che
PRON. chi chi chi chi
PRON. che, che cosa, cosa
AGG./PR.ME quale quale quali quali
AGG/PR.ME quanto quanta quanti quante

La tabella è tratta dalla grammatica di Luca Serianni[1]. La caratteristica che accomuna queste forme è che tutte possono essere adoperate come soggetto, oggetto o complemento: «chi sei?», «che cercate?», «dimmi di quanto hai bisogno» [esempi del Serianni]. Chi, lo abbiamo già detto a proposito dei pronomi relativi, anche in questo ambito si riferisce solo a esseri animati; che (che cosa, cosa) ha valore neutro. Quale si può apocopare davanti a vocale o consonante, esattamente come nel caso dell’omonimo indefinito, ma «tranne poche espressioni cristallizzate (qual è, soprattutto), il troncamento avrebbe sapore letterario»[2]. Quanto può elidere davanti a vocale: «quant’è?».

Continua a leggere

La Sicilia nel 1876

050-palermo-2002

La Sicilia nel 1876

mafia-uccide

Diario di un romanzo

*** Questo articolo è tratto dai miei appunti di “viaggio” sul romanzo in “stesura” ***

Il concetto di viaggio, ci tengo a sottolinearlo, se associato alla figura del romanziere e alla stesura di un romanzo solo raramente riguarda una vera e propria escursione. In quel caso, di norma, si tratta di libri che hanno la forma dei diari di viaggio o guide turistiche. In tutti gli altri casi il viaggio è un volo pindarico alla scoperta del nucleo fondamentale di una storia, della sua vera essenza. Gli appunti che seguono sono molliche lungo il percorso.

______________________

Nella Relazione della Giunta per l’inchiesta sulle condizioni della Sicilia del 1875, stando a quanto sostiene Leopoldo Franchetti nel suo saggio La Sicilia nel 1876 – scritto in collaborazione con Sidney Sonnino, manca quasi del tutto e comunque in modo esplicito e dichiarato qualsiasi cenno al brigantaggio. Essa riconosce una certa elevata ricorrenza di fatti di sangue, il malandrinaggio nelle campagne e le associazioni di malfattori a cui sono attribuiti i ricatti in rasa campagna – poiché «è raro che non sieno preparati da lunga mano in conciliaboli di associati e di manutengoli nelle città»; ma li giustifica come conseguenza di una «minor preparazione dell’altre provincie italiane all’austero e difficile regime della libertà».

Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: