Arriva sempre un momento nella vita in cui ci si guarda indietro e si osserva la strada fatta. Io alle mie spalle vedo molte cose. Tornanti, diversi. Ostacoli, qualcuno. Soprattutto, desideri e ambizioni. Questi pesano un po’ di più. Sono disseminati come piccole pietre che rendono la strada accidentata. Uno, in particolare, è un grosso sasso. Me lo ritrovo sempre tra i piedi. Per molti anni ho cercato d’ignorarlo. Tuttavia, all’età di 37 anni, ci inciampo ancora contro. Gli ho anche dato un nome, si chiama: scrittura.