Una comunità liquida

due

#Anfusochelegge

Gente seria ne è rimasta poca, almeno nella comunità di aspiranti scrittori (o scrittori già affermati, giornalisti, critici letterari, addetti ai lavori…) di cui faccio parte. E questa la considero la più grande fortuna che mi potesse capitare in questa vita. La storia è questa:

Sabato mattina, piuttosto presto, posto una mia foto su FaceBook. La foto mi ritrae alle prese con la lettura di un libro, con indosso degli occhiali fucsia e in bocca una pipa elettronica. Pipa che assomiglia incredibilmente a una penna. La mia espressione è volutamente saccente. La foto è ironica. Io non ho paura di prendermi in giro… Eugenio Chiara, il fondatore di Circolo 16, ha preso la palla al balzo postando una sua foto con l’intendo di imitare la mia posa. Ha soprannominato l’evento con un tag: #Anfusochelegge, trasformandolo in un contest. Ha lanciato il contest sulle pagine virtuali del Circolo, e da lì in avanti è stato un roboante susseguirsi di partecipazioni.

L’onda si è abbattuta su FaceBook portando con sé centinaia di messaggi, condivisioni e foto. Le foto le vedrete tutte raggruppate al fondo di questo articolo. Alcune sono davvero belle, altre addirittura geniali. Naturalmente non c’è un vincitore, perché non ha senso porre la questione in quest’ottica. Ha vinto la LETTURA, hanno vinto i futuri scrittori di questa penisola, ha vinto la condivisione. Senza esibizionismi. Senza malizia. Senza protagonisti. Solo goliardia. Nessuno si è fotografato mentre reggeva un proprio libro. Solo Barbara ha voluto rendere un ironico omaggio al sottoscritto mostrandosi intenta alla lettura di Confidenze (tra l’altro proprio il numero in cui appare un mio racconto). Infine il contest è stato rilanciato anche dalle splendide ragazze di Leggere non è un peccato.

Sottraendo dalla somma i grigiori letterari di fine Novecento, gli intellettualismi di inizio millennio, gli autoreferenziali egocentrismi degli ultimi decenni cosa resta? Restano persone che sanno mettersi in gioco, che non si tirano indietro davanti a una sfida, disposte a metterci la faccia per veicolare un messaggio: noi esistiamo, e stiamo arrivando!

C’è chi non vuole che metta la questione in un’ottica di confronto generazionale, e forse ha ragione. Tuttavia una differenza tra noi e “loro” c’è o sbaglio? La differenza è che noi, a differenza di loro, siamo capaci di trasformare un freddo e banale sabato mattina in una cavalcata virale di esibizionismo non egocentrico, tutt’altro: altruistico. Perché i protagonisti di questo contest, nato così spontaneamente, sono la lettura e… be’ il rendersi volontariamente ridicoli per affermare la propria appartenenza a un gruppo. Già, un gruppo. Ma quale gruppo?

Qualcuno sostiene che nella Repubblica delle Lettere si entri per cooptazione. Forse ha ragione, forse ha funzionato così e continua tuttora a essere in vigore questo criterio. Ma io all’orizzonte intravedo un cambiamento. Una luce in fondo a questo lunghissimo e oscuro tunnel che presto ci abbaglierà tutti. E mentre “loro” litigano per contendersi il Salone Internazionale del Libro di Torino, noi mostriamo a questa Repubblica delle Banane un volto nuovo. Quale gruppo? Il nostro gruppo!

A seguire le foto dei partecipanti…

Questo slideshow richiede JavaScript.

Hanno partecipato in ordine di apparizione: Salvatore Anfuso, Eugenio Chiara, Nadia Banaudi, Massimiliano Riccardi, Maurizio Giardi, Rosa Genna, Silvia Algerino, Barbara Businaro, Tiziana Balestro, Sergio Albertini, Paolo Cestarollo, Paolo Forte, Isabella Valerio e Chiara Solerio. Complimenti a tutti.

Adesso, ditemi: qual è la foto che vi è piaciuta di più?

89 Comments on “Una comunità liquida

  1. Gassosa o non se ne fa nulla 😛
    Nel maggio del 1816 due coppie di intellettuali dell’epoca si ritrovano in vacanza in un albergo di Ginevra, ma il tempo piovoso li costringe in camera. ecidono così di sfidarsi a scrivere storie di fantasmi e ne nasce uno dei capolavori della letteratura horror.
    Mi viene il dubbio che i letterati siano sempre stati (non tutti forse) un po’ goliardici, ma che sia il filtro della critica letteraria ad averceli mostrati così grigi. E forse oggi chi si atteggia a letterato copia quell’immagine grigia che ci ha trasmesso la critica.

    Liked by 5 people

  2. Quale gruppo? Il nostro gruppo… Gente seria , che sa anche mettersi in gioco, anche per una timida come me. Per gli amici si fa. La conferma sta nelle tue parole che ho fatto bene. Poi avrò tutto il tempo per metabolizzare la mia immagine nei blog e il video che scorre sopra il mio commento. 😀

    Ecco perché ho partecipato, per l’impressione che ho avuto e che hai sintetizzato in queste righe:
    Ha vinto la LETTURA, hanno vinto i futuri scrittori di questa penisola, ha vinto la condivisione. Senza esibizionismi. Senza malizia. Senza protagonisti. Solo goliardia. Nessuno si è fotografato mentre reggeva un proprio libro.

    Liked by 3 people

  3. Difficilissimo scegliere, perchè tutti ci hanno messo davvero del suo! Da Cestarollo che dorme (fresco di bebè, si dorme poco eh!), a Forte che sembra reggere una lunga lama nella mano sinistra (o forse l’attizzatoio del camino?) con aria truce, a Isabella che riesce a leggere assorta con il lago lì dietro, per non parlare della pipa rovesciata di Giardi alla Maigret che vince su tutti!
    Insomma, qui gente seria non ce n’è, e per fortuna! 😉

    Liked by 2 people

  4. Ma che belle le foto! Mi ero persa la cosa, davvero una bella idea. Maurizio Giardi, con pipa e libro al contrario fa molto Watson dopo una notte passata a correre dietro ai delinquenti con Holmes, come faccio a dire che non è la mia preferita?

    Liked by 1 persona

  5. Ecco, che dire, grazie per le splendide ragazze di Leggere non è peccato. Ok splendide è soggettivo e certo legato all’amore comune per la lettura, ma ragazze…no, no quelle lenti sono da cambiare! A parte gli scherzi, non potrei concordare di più con il tuo post e con la bellissima iniziativa di Genio C. che ci ha visto uniti come un piccolo esercito. La posa migliore? indubbiamente il libro capovolto come la pipa, geniale!

    Liked by 1 persona

  6. Una bellissima idea. Mi sono divertita un sacco a partecipare.
    Grazie per averci citate, Salvatore.
    Io sono in dubbio tra i due Paoli: eccezionale lo sguardo di Paolo Forte, ma anche il sonno di Paolo Cestarollo. 🙂

    Liked by 2 people

  7. Grazie Salvatore e grazie a Eugenio, mi sono divertito ed è bellissimo sentirsi parte di un gruppo di persone così “belle”.
    Abbiamo vinto tutti e continuiamo a farlo ogni giorno, restando fedeli a noi stessi.
    Sono proprio felice di aver avuto la fortuna di incontrarvi.

    Liked by 5 people

  8. Che idea spassosa! Siete tutte e tutti bellissimi 🙂 Le foto trasudano umorismo e non è facile trasmetterlo grazie alla lettura, considerata (pur)troppo spesso un’attività pesante e seriosa. Davvero una bella iniziativa! La mia preferita è la foto di Paolo Cestarollo.

    Liked by 2 people

    • Grazie Emma, troppo buona. Dopo un pomeriggio movimentato, credo che la faccia sia quel che sia (la foto non mente ). È stato però più forte l’entusiasmo e il passaparola, tipo da ragazzi che parti in quarta e fai qualche marachella ( leggera, eh) in gruppo. Una bischerata direbbero in Toscana.

      Liked by 1 persona

      • Una “bischerata” che arriva dritta al punto; e vincete voi e la lettura! È proprio questo lo spirito con cui si dovrebbero condividere le esperienze generalmente considerate impegnative, quando non ostiche. Trasmettendo il divertimento insito in esse e scardinando con l’ironia il pensare comune. Ah, la foto non mente e tu sei graziosissima con l’indice al mento e l’aria assorta 🙂

        Liked by 2 people

        • Grazie Emma. Meno male tu. Assorta a leggere, però più che la saccenza, mi veniva da ridere. Sono rimasta più impassibile che potevo. È questo il bello. Non prendersi sul serio ma promuovere la lettura. Alla prossima vieni anche tu.😊

          Mi piace

  9. Bella iniziativa. Tutte le foto sono gradevoli e simpatiche. Per quello che riguarda la mia partecipazione… niente di eccezionale, mai stato serio in tutta la mia vita 😀

    Liked by 2 people

  10. La tua foto è molto simpatica, ma niente male anche quella di Rosa che legge ben due libri in contemporanea di Mukarami non è male! Ho visto le tue foto domenica (sabato sono stata fuori tutto il giorno per giri far) e avrei voluto postare una foto con libro, ma sono stata colpita dalla sventura della morte del mio pc, una tragedia, ho passato la domenica e gli ultimi giorni a cercare di recuperare i dati e comprare un nuovo pc, e a incastrare tutto questo con il lavoro dove sono piena di scadenze…

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: