Mio fratello è figlio unico

tt-e1399126721814

Giusto per farci due risate con Rino

Come sapete il due giugno è un giorno importante. No, non per via della Festa della Repubblica. Ma perché il due giugno normalmente cade proprio nel mio compleanno. Non è che l’ho voluto io, ci mancherebbe. È capitato così. Comunque, quest’anno il due giugno è un giorno ancora più importante, visto che il sottoscritto di anni ne compie addirittura quaranta. E sì, avete capito bene: quarant’anni. Fra altri quaranta ne avrò addirittura ottanta, di anni. E già solo a dirlo mi mette addosso un’ansia… Ad ogni modo, da quando ho aperto questo blog ogni due giugno ho sempre preferito festeggiare, al posto del mio compleanno, un’altra ricorrenza: la morte di Rino Gaetano, cantautore che stimo moltissimo da sempre.

L’anno scorso l’ho voluto ricordare con una delle sue canzoni più belle: Io scriverò. L’anno prima ho invece parlato della sua morte e dell’incidente d’auto che se l’è portato via. Quest’anno avevo voglia di fare due chiacchiere con lui, e allora… perché no? Ne è uscita questa cosa qui. Spero vi piaccia.

«Rino! Che bello vederti. Come stai?»

«Mio fratello è figlio unico».

«Uh Gesù… mi dispiace. Com’è successo?»

«… non ha mai trovato il coraggio di operarsi al fegato».

«Ah! Epatite?»

«E non ha mai viaggiato in 2° classe sul rapido Taranto – Ancona».

«No, non partito: EPATITE; te lo chiedevo per via dell’operazione».

«… è convinto che Chinaglia non può passare al Frosinone».

«Ma che c’entra Chinaglia, mo’? E-PA-TI-TE, non partita. Hai capito?»

«… è convinto che nell’amaro benedettino non sta il segreto della felicità».

«Ah, ecco. Lo vedi, lo vedi? Quindi… ha smesso?»

«… è convinto che esistono ancora gli sfruttati malpagati e frustrati».

«Problemi sul lavoro, ho capito. Se può essere di consolazione, non è l’unico…»

«Mio fratello è figlio unico».

«Sì, certo, ma dicevo che non è l’unico ad avere problemi sul lavoro. Oggi è una cosa diffusa, una pandemia moderna».

«Sfruttato represso calpestato odiato».

«Beh, non esageriamo mo’. Addirittura calpestati… no. Ma che ha combinato? Ha fatto incazzare il datore di lavoro?»

«E ti amo Mario».

«E io ti ringrazio, Rino. Davvero, di cuore. Ma, intanto, non mi chiamo Mario. E poi…»

«Mio fratello è figlio unico».

«Sì, Rino, ho capito. E mi dispiace ma…»

«Deriso frustrato picchiato derubato».

«Mi dispiace molto… moltissimo, ma…»

«E ti amo Mario».

«Ma non fino a questo punto, però, Rino. Eh! C’è un limite a tutto. Per te farei qualsiasi cosa, lo sai, ma…»

«Mio fratello è figlio unico».

«Sì, pure per tuo fratello. Ma…»

«Dimagrito declassato sottomesso disgregato».

«… ma non mi chiedere di ricambiare che non ce la posso fare, Rino».

«E ti amo Mario».

«E io no, Rino».

«Mio fratello è figlio unico».

«E che ci posso fare?!»

«Frustato frustrato truffato sottomesso».

«E l’ho capito, madonnina santa. Però anche lui… digli di fare qualcosa. Che ne so, di cambiare città, di trasferirsi all’estero, che so io».

«E ti amo Mario»

«No, Rino, davvero: mi metti in imbarazzo così. Ti voglio bene, lo sai, ma come un fratello».

«Mio fratello è figlio unico…»

«Vabbuo, Rino. Stammi bene»

«E ti amo Mario».

«Aaah, Rino, ma vafammocc va».

«Ti amo…»

«Kitammuort!»

Spero vi sia piaciuta. Se vi volete ascoltare la canzone, bellissima e commovente, potete trovarla qui.

28 Comments on “Mio fratello è figlio unico

  1. E finalmente mi fai compagnia coi tuoi 40 anni. Che classe! Auguri immensi! Goditi la giornata.
    Originale testo, mi piace anche a me Rino Gaetano, in particolare quando canta “A mano, a mano”.
    E comunque “Nun te regge più.

    Tanti auguri di buon compleanno.

    Liked by 1 persona

  2. Fantastico Rino Gaetano, i suoi testi e la sua voce graffiante mi colpiscono sempre. Negli ultimi tempi mi sono innamorata della canzone “A mano a mano” la canzone di Cocciante, cantata da Rino Gaetano mi fa venire i brividi tutte le volte che l’ascolto.
    Buon compleanno Salvatore!

    Liked by 1 persona

  3. Questa cosa è incredibile. Stanotte mi son preso una pausa dal mio scribacchiare e mi sono ascoltato una ventina di canzoni di Rino, che adoravo già da bambino pur senza capirlo realmente, Coincidenza? Telepatia? Boh. Ho smesso dopo aver ascoltato la Ballata di Renzo che mi ha molto turbato. Notte fonda, suggestioni…

    Liked by 1 persona

  4. Ehi, sono quaranta? Buon compleanno, Salvatore, anche se in ritardo. 🤗🤗
    Per me il 2 giugno è una data importante perché è anche il compleanno di mio figlio Enrico: quest’anno sono sedici, che per me SAI COSA VUOL DIRE?
    Altroché beati quaranta! 😄
    Dunque tanti auguri anche a te. Tantissimi.🥂

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: