Editoriale 2015


2015

…quando la fine è un inizio

È la vigilia di Capodanno. Fra poco, a scapito di tutti gli annunci e raccomandazioni, il cielo si riempirà di fuochi d’artificio, botti d’autore e latrati di cani. Io, nel mio piccolo, ne approfitto per farvi i miei silenziosi auguri per un 2015 sfavillante. Ma come sarà questo nuovo anno?

Non ho idea di come sarà il vostro, né tantomeno il mio. Non sono bravo con gli oroscopi e la preveggenza mi risulta ancora un po’ ostica… posso, ad esempio, prevedere la fine che farà un mio personaggio, ma questo lo sapete bene anche voi; invece non riesco ancora a immaginare che fine farò io. Tuttavia, posso tranquillamente dirvi che fine farà questo blog: salvatoreanfuso.com.

Sarà sempre qui, a farvi compagnia e a pretendere commenti, ma con qualche cambiamento. L’argomento di questo post è: boh… diciamo, “previsioni editoriali 2015”.

Lunedì

Pubblicherò sempre tre articoli alla settimana, un ritmo a cui mi sono abituato bene e che considero, per le mie esigenze, ideale. Tuttavia, salvo eccezioni e senza alcuna pretesa di periodicità… capito, cari finanzieri? Nessuna periodicità. Dicevo, senza alcuna pretesa di periodicità, il lunedì, giorno da sempre riservato alle rubriche, sarà dedicato alla pubblicazione di una nuova… rubrica, appunto.

Questa nuova rubrica si titolerà: Umane Deviazioni. Avrà tre sotto-categorie: Serial killer, Stupratori seriali & Psicopatici, Tecniche & Indagini. Più una quarta: Psicologia criminale. Sulla quarta, però, ci tengo a precisare che, nonostante lo studio e la dedizione con cui mi ci sono messo, non ho alcuna preparazione accademica. Quindi cercherò di fare del mio meglio, ma senza la pretesa di dire verità profonde inappellabili.

Una rubrica tecnica quindi, diversamente da come è stato finora, in cui tutto il blog ridondava di sola arte scrittoria. Perché, vi chiederete… vero, che ve lo state chiedendo? Be’, ad ogni modo, il perché è semplice, risponde a due esigenze ben precise: la prima, introdurre l’argomento dei miei futuri romanzi, facendone una rubrica periodica (ops… ho detto periodica?); la seconda, attirare lettori interessati all’argomento che non siano altri aspiranti scribacchini.

Intendiamoci, vi voglio bene e siete i benvenuti. Magari la rubrica può interessare anche voi. Tuttavia, come urlato da più fonti, a che serve un blog dedicato solo ed esclusivamente alla scrittura? Inoltre, se lo avete notato, questo blog porta il mio nome. Il ché, da un lato, non significa assolutamente nulla, ma, dall’altro, dovrebbe introdurre e sponsorizzare i miei scritti. Quale modo migliore se non parlare degli argomenti di cui tratto?

Mercoledì

Il mercoledì rimarrà consacrato alla scrittura, con un’alternanza di articoli tecnici, sulla nostra arte, e di post più intimi, in stile: libro cuore. Cos’abbia da dire io sulla scrittura, non è ben chiaro. Tuttavia, sembra apprezziate e io son qua proprio per questo. La scrittura, inoltre, è la mia passione più intima. Non potrei mai abbandonarla del tutto, in questo blog.

Adoro scrivere articoli sulla scrittura, ma non mi va di dedicargli un giorno fisso. Ecco perché alternerò gli articoli tecnici a quelli da: diario dei ricordi; vale a dire, post in cui ricordo a me stesso come e perché sono finito in questo guaio. Inoltre, ogni tanto, pur non volendo fare recensioni di cui sono profondamente incapace, potrà apparire qualche velenosissimo articolo sul libro di turno che mi ha deluso… Occhio a cosa scrivete, dunque.

Venerdì

Come ultimo giorno della settimana, il venerdì sarà riservato ad articoli più leggeri, sempre legati a questo nostro mondo da scribacchini indefessi, alternandoli però a racconti da me scritti e ideati. Un po’ come avviene già ora, diciamo. Rendo solo più ufficiale la cosa.

Per quanto riguarda i racconti, vorrei scriverne e pubblicarne di più… ma, un po’ per colpa della mia fissa per la cura di ciò che scrivo, un po’ per il tempo che è sempre poco, finirò per tenere il ritmo attuale, vale a dire: un racconto ogni due mesi, se va bene.

Inoltre, quando ne avrò accumulati un certo numero, ho una mezza idea di aprire un sito dedicato solo a loro… ma questo è un progetto futuro, quindi trovo inutile preoccuparsene adesso.

Che fine fanno le altre rubriche?

Non saranno abbandonate, non del tutto almeno. Tuttavia, visto che ho deciso di riservare il lunedì a un solo, preciso, argomento, le altre rubriche verranno spostate al venerdì. Così almeno avrete tutto il week end successivo per leggerle e godervele. In fondo, è proprio per questo che ho sempre pubblicato i racconti di venerdì: per riempire i vostri tetri e tristi fine settimana.

Vi ricordo che le altre due rubriche sono: “Due chiacchiere davanti a un caffè con…”, una sorta di intervista distesa, ma cattiva, con il “personaggio” di turno; “Libri da Autogrill”, raccolta dei dieci libri che hanno attirato la mia attenzione sugli scaffali degli Autogrill, appunto, mese dopo mese.

La prima, l’intervista, al momento è sospesa per mancanza di materia prima: il personaggio. Appena mi riesce di mettere le zanne su qualcuno di interessante, ve lo farò senz’altro sapere. Alla seconda, invece, vorrei dare maggiore regolarità. Tuttavia, un po’ perché quando mi fermo negli Autogrill vado sempre di fretta, un po’ perché i libri, in fondo, sono sempre gli stessi, più di una volta a trimestre mi sa che sarà difficile.

Perché non un sito tematico?

Avete ragione, visto che ho intenzione di inserire una rubrica tematica di lunedì, potrei aprire un sito dedicato solo a quell’argomento. Ma… c’è sempre un ma. Ma, dicevo, ho già provato a gestire due siti distinti e, semplicemente, non ne ho il tempo. Inoltre, proprio perché quello della rubrica è l’argomento dei miei scritti, non trovo che la cosa stoni poi così tanto.

Il blog porta il mio nome, dovrebbe parlare di me.

E voi?

Che progetti avete per il 2015?

13 Comments on “Editoriale 2015

  1. Riguardo alla periodicità, questa non determina una testata giornalistica, ma vorrei parlarne nel blog in modo approfondito.

    Anche a me piace scrivere articoli sulla scrittura, seppure non abbia pubblicato ancora alcun romanzo.

    E vorrei pubblicare più racconti anche io.

    I miei proposito li leggerai domani 😀

    Comunque, vorrei finire il romanzo per il self-publishing, revisionare il libro sul blogging per proporlo a un editore, scrivere due ebook tecnici da vendere in self, scrivere un altro libro per un editore (romanzo o raccolta di racconti) e scrivere racconti per il blog. Troppa carne al fuoco?

    Liked by 1 persona

    • Un po’, sì, ma… sai che ti dico? Meglio essere ambiziosi. Il tempo scorre in fretta.
      Sulla periodicità, anch’io ho dei dubbi, ma non ho mai avuto la testa per informarmi a dovere. Credo che poter dimostrare di non trarne alcun guadagno sia una garanzia sufficiente contro i problemi. Tuttavia, se avessi voglia di scrivere un post su questo argomento, sarei interessato a leggerlo. 😉

      Mi piace

  2. A me interessa molto la rubrica che hai proposto. Sono un’appassionata di gialli, sebbene non abbia mai avuto il coraggio per scriverne uno.

    Il mio obiettivo principale, per il 2015, è concludere il romanzo. Ho rallentato enormemente la prima stesura, ma ora sto ingranando. Spero che sia pronto entro l’estate e revisionato in autunno. Dopo di che deciderò cosa farne…

    Per il blog, credo che seguirò la “scia” inaugurata con gli ultimi articoli, che trattano sì il tema della scrittura ma lo fanno con un approccio più psicologico. Mi rendo conto che stanno alimentando un buon dialogo con i lettori e che sono graditi perché, rispetto a quelli puramente tecnici, hanno un taglio più personale e mi differenziano dagli altri blog affini. Sono felice di aver trovato la mia specificità, e mi diverto molto a parlare di queste cose.

    Sicuramente però alternerò questi articoli con altri più prettamente tecnici, e in futuro si vedrà!

    Buon anno!!! 🙂

    Liked by 1 persona

  3. Hai ragione, meglio tenere un blog soltanto e farlo bene, piuttosto che disperdere le energie su più blog. Io almeno la penso così. Aspetto curiosa di leggerti, racconti a parte, perché a quelli in generale sono proprio allergica! Che brutta cosa…
    I miei progetti per il 2015 sono… di non fare progetti. Ho avuto modo di capire che le cose è meglio costruirle sfruttando la corrente, quando si può, e non ignorandola. Per questo il mio obiettivo è soltanto scrivere con costanza e serenità, senza scalpitare. Ci riuscirò? Ne dubito, ma vale la pena di tentare. Tanti auguri, Salvatore! Sono contenta di conoscerti. 🙂

    Liked by 1 persona

    • Anch’io sono contento di averti conosciuta. 🙂
      I racconti non ti piace leggerli perché sono brevi?
      Vedrai che la nuova rubrica ti piacerà! 😉

      Buon 2015, che sia pieno di soddisfazioni.

      Mi piace

      • Il problema è proprio di quantità. Se il racconto mi piace, detesto che finisca dopo pochi minuti di lettura; se mi piace così così o niente, ho la sensazione che avrei potuto usare quei minuti per leggere qualcosa che mi piaccia davvero… e che sia più corposo. Un po’ come chi ama le porzioni da trattoria e non quelle da nouvelle cuisine, insomma. (Non faccio una gran figura da intellettuale, vero?) Che il 2015 porti grandi soddisfazioni anche a te. 🙂

        Mi piace

        • Be’, può capitare anche con i libri. Di leggere cioè qualcosa che non ti piace e scoprire di aver perso del tempo. Solo che, in quel caso, essendo più lungo, di tempo ne perdi di più. 😛
          Leggere più racconti non farebbe di te un intellettuale. Ti piacerebbe essere un intellettuale? A me no, hanno spesso la puzza sotto il naso.

          Mi piace

          • Intendevo che il mio vivere la scrittura “a peso” mi rende un po’ materiale. Nooo, non vorrei essere un intellettuale! Non se mi fa dividere il mondo in prima e seconda scelta, oppure mi fa dare alle cose nomi inutili come correlativo oggettivo o narratore extradiegetico. Bleah.

            Liked by 1 persona

  4. Sono curiosa di leggere la nuova rubrica sui personaggi malvagi, e penso sia un bene per tutti se riesci ad attirare nuova gente sul tuo blog. Così oltre a rubarti le idee per i personaggi ti ruberò anche i followers.
    😀

    Mi piace

  5. Belle queste innovazioni, mi piacciono Salvatore!
    Come accennavo sul mio blog, l’obiettivo è scrivere tre/quattro romanzi. Alcuni lunghi, altri più brevi. Introdurrò la rubrica di recensioni opere di autori indie (italiani e non) e poi vorrei riuscire a scrivere più racconti per il blog. Ne ho di vecchi da revisionare e poi proporvi (anzi, ne ho a DECINE) per cui dovrei essere a posto. Per ora il piano editoriale sino a febbraio è già stato concluso. E poi c’è la nuova grafica da realizzare e mettere online.
    Anno nuovo, vita nuova!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: